Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. 

Introduzione al controllo dell’illuminazione


Il mondo dell’illuminazione sta subendo una profonda trasformazione dovuta all’avvento delle nuove tecnologie LED ed alla crescente necessità di gestire in modo efficace tutti gli apparecchi d’illuminazione, anche quelli realizzati con sorgenti tradizionali. Così come il mercato dell’automazione, anche quello dell’illuminazione sta evolvendo rapidamente verso l’integrazione di tecnologie differenti che richiedono competenze specifiche fino ad oggi riservate agli ambiti dell’Information & Communication Tecnology. L’aumento della sensibilità per la salvaguardia dell’ambiente ed il momento economico non favorevole fanno del risparmio energetico il motivo principale del crescente interesse verso le tecnologie di controllo dell’illuminazione. Un’altra spinta importante è data dalla possibilità di gestire le scenografie luminose, sia in termini di intensità che di colore, in modo da conferire funzionalità, comfort ed emozionalità alle nuove realizzazioni.
La luce sta subendo lo stesso processo di “digitalizzazione” già attuato in altri ambiti come quello dell’audio e del video. Nasce quindi nel mercato e nelle figure professionali legate all’illuminazione la necessità di capire quali sono le potenzialità del controllo della luce e come tali soluzioni debbano essere proposte e realizzate.

Applicazioni dei sistemi di controllo

La possibilità di accendere, spegnere e regolare l’intensità degli apparecchi in base alla presenza di persone ed al contributo di luce naturale nell’area illuminata permettono di ottenere importanti risultati in termini di riduzione dell’energia consumata dall’impianto. Un ulteriore contributo all’aumento di efficienza del sistema viene ottenuto con l’utilizzo di programmi orari che limitano la luce artificiale in particolare momenti della giornata, come ad esempio le ore di minor traffico lungo un percorso autostradale o durante le operazioni di carico scaffali in un supermercato.
La capacità di un impianto di ridurre in modo intelligente il proprio consumo energetico è sempre più premiata dal mercato ed in futuro sarà sempre più richiesta anche tramite azioni legislative, che renderanno obbligatoria l’integrazione delle soluzioni di controllo della luce in ogni nuovo impianto realizzato.
Oltre a vantaggi ecologici ed economici la regolazione della luce permette un aumento del comfort ed un’ottimizzazione della durata di vita degli apparecchi, permettendo quindi un risparmio nei costi di manutenzione.
Le nuove tecnologie di gestione digitale degli apparecchi in abbinamento alle soluzioni di networking aprono nuovi scenari anche nella gestione degli impianti, permettendo alle società di facility management attività di manutenzione programmata e controllo remoto. Una caratteristica importante dei sistemi di controllo più evoluti è quella di permettere la riconfigurazione del layout di utilizzo dell’impianto tramite applicazioni software, eliminando la necessità di intervenire fisicamente sul cablaggio degli apparecchi e dei punti di controllo. Tale funzionalità è particolarmente utile nei palazzi uffici in quanto sempre più spesso vengono realizzati come open space e successivamente suddivisi con pareti semovibili, in modo da poter aggiornare il layout anche durante il periodo di utilizzo dello stabile.
Accanto all’automazione per il risparmio energetico i sistemi di controllo dell’illuminazione trovano sempre più spazio nella gestione delle scenografie statiche e dinamiche in applicazioni funzionali e scenografiche.
E’ possibile richiamare situazioni luminose predefinite ottimizzate per le varie attività svolte all’interno delle aree illuminate, come nel caso di sale conferenze e cinema, in cui anche le transizioni tra le diverse scenografie sono rese più confortevoli evitando brusche variazioni nel tempo.
La disponibilità sul mercato di apparecchi a luce colorata, sia come temperatura di bianco che come colore RGB, richiede quindi opportune soluzioni di gestione delle scenografie al fine di creare eventi emozionali statici e dinamici. Le realizzazioni si spingono fino al campo dell’Archimedia in cui ogni apparecchio RGB costituisce un pixel di una matrice video virtuale su cui proiettare effetti video multimediali come immagini in bassa risoluzione e testi.

Tecnologie per la gestione della luce artificiale

Gli apparecchi d’illuminazione sono realizzati con sorgenti luminose di natura diversa. Quelle più tradizionali come le incandescenti e le alogene non richiedono ausiliari elettrici o elettronici, cosa che invece è necessaria per le fluorescenti e per le nuove sorgenti LED. Per la regolazione dell’intensità luminosa a seconda delle caratteristiche dell’elettronica possono quindi essere richiesti segnali analogici o digitali, in quest’ultimo caso organizzati secondo un protocollo di comunicazione tra chi trasmette il comando (sistema di controllo) e chi lo riceve (apparecchi d’illuminazione).

Torna all'elenco degli Articoli